english home

Dr. Valentina Moscon

Wissenschaftlicher Referent

Immaterialgüter- und Wettbewerbsrecht

+49 89 24246-447
valentina.moscon(at)ip.mpg.de

Arbeitsbereiche

Immaterialgüterrecht, Bürgerliches Recht (inkl. Vertragsrecht); Rechtsvergleichung (Europäisches, Nationales und Internationales Recht).

Wissenschaftlicher Fokus liegt auf dem Urheberrecht und den daran angrenzenden Rechtsgebieten sowie auf dem Immaterialgüterrecht im Allgemeinen, hier vor allem in der Forschung zum Thema: europäische, internationale und nationale Urheberrechtsentwicklung. Dies umfasst insbesondere auch die Publikation von Forschungsergebnissen im In- und Ausland, sowie di Vertretung von Positionen von wissenschaftlichen Fachfragen im In- und Ausland bei nationalen und internationalen wissenschaftlichen Konferenzen und Workshops, sowie die Erarbeitung von Stellungnahmen.

Wissenschaftlicher Werdegang

Seit 05/2016
Senior Research Fellow am Max-Planck-Institut für Innovation und Wettbewerb.

Seit 2009
Lehrbeauftragter an der Juristische Fakultät der Universität Trient (Italien) sowie an der Musik Akademie „Bonporti“, Trient (Italien). Lehrthemen: Bürgerliches Recht, Immaterialgüter Recht (besonders Urheberrecht).

05/2009 - 05/2016
Post-Doc Research Fellow an der Juristische-Fakultät der Universität Trient, Italien. Forschungsbereiche: Immaterialgüterrecht, Bürgerliches Recht (inkl. Vertragsrecht und Schadenersatzrecht); Rechtsvergleichung (Europäisches, Nationales und Internationales Recht)

04/2014 - 05/2016
Rechtsberaterin in dem Technology Transfer Office der Universität Trient.

11/2005 – 04/2009
Doktorandin an der Juristische-Fakultät der Universität Trient, Italien. Doctor of Philosophy (Ph.D.), Rechtsvergleichung des Bürgerliches Recht. (Prof. Dr. R. Caso); Dissertation: „Diritto d’autore, contratto e tecnologie per la traduzione delle regole in codice informatico“. Die Arbeit befasst sich mit der Problematik der technischen Schutzmaßnahmen im Urheberrecht nach italienischem, europäischem und US-amerikanischem Recht.

10/2007 Anwaltsprüfung erfolgreich absolviert, Rechtsanwaltskammer Trient, Italien 10/2004 – 10/2006
Juristische Referendariat bei der Kanzlei „Peterlongo Failoni Zanoni“, Trient (Italien) Via Grazioli n.106, 38122, Trento.

10/1999 – 10/2004
Studium der Rechtswissenschaften, Universität Trient, Italien. Meine juristische Ausbildung habe ich in Trient im Jahr 2004 mit einer Abschlussarbeit über den Schadenersatzanspruch im Todesfall nach italienischem, europäischem und US-amerikanischem Recht abgeschlossen.

Ehrungen und wissenschaftliche Preise

Preise:

Premio Alleanza Assicurazioni – Fondazione Gasbarri (Preis für die Diplomarbeit)
Premio Nazionale Vittorio Frosini (Preis für die Dissertation)

Stipendien:

März 2014 - Feb 2016
Post-doc Scholarship, Juristische-Fakultät der Universität Trient (Italien)
Projekt: Intellectual property and knowledge transfer within the university

Okt 2014 – März 2016
Research Grant “Giovani ricercatori 2014”, Universität Trient (Italien)
Projekt: University technology transfer and intellectual property law

Mai 2013 - März 2014
Post-doc Scholarship, Max Planck Institute für Innovation und Wettbewerb, München
Projekt: Ensuring access to published research: in search of a principled and feasible approach

Nov 2009 - Nov 2012
Post-doc Scholarship, University of Trento, Faculty of Law
Projekt: Tort law and personal injuries: damages quantification

Juli - Dez 2010
Research grant CRUI (Conferenza dei Rettori delle Universita’ Italiane) und SIAE (Societa‘ Italiana Autori ed Editori) – Gemeinsamer Ausschuss Project title: Copyright and Negotiation Freedom in the US

Juni – Aug 2011
Research Grant National Rechtsanwaltskammer (“Consiglio Nazionale Forense”)

Publikationen

Herausgeberschaften

Modernisation of the EU Copyright Rules - Position Statement of the Max Planck Institute for Innovation and Competition (Max Planck Institute for Innovation and Competition Research Paper, No. 17-12 ), Max Planck Institute for Innovation and Competition, Munich 2017, 208 S. (gemeinsam mit Reto M. Hilty).

Beiträge in Sammelwerken, Kommentierungen, Handbüchern und Lexika

Open Access, Open Science, Open Society, in: Fernando Loizides, Birgit Schmidt (Hg.), Positioning and Power in Academic Publishing: Players, Agents and Agendas: Proceedings of the 20th International Conference on Electronic Publishing, IOS Press, Amsterdam 2016, 75 - 86 (gemeinsam mit R. Caso et al.). DOI

    Open Access Implementation: From a Bottom-up Order to a Top Down Disorder? The Italian Work, in: Raquel de Román Pérez (Hg.), Propiedad Intelectual en las Universidades Públicas: Titularidad, Gestión y Trasferencia, Editorial Comares, Albolote (Granada) 2016, 377 - 393 (gemeinsam mit Roberto Caso).

      Proprietà intellettuale e scienza aperta, in: Giovanni Pascuzzi (Hg.), Il diritto dell'era digitale (Manuali), Il Mulino, Bologna 2016, 289 - 304.

        Academic Freedom, Copyright, and Access to Scholarly Works: A Comparative Perspective, in: Roberto Caso, Federica Giovanella (Hg.), Balancing Copyright Law in the Digital Age, Springer, Berlin; Heidelberg 2015, 99 - 135. DOI

        • The right to academic freedom protected both under international treaties and national constitutions is at the very heart of social, cultural, and economic development. As far as scientific research and teaching are concerned, copyright has to be considered within the context of a proper balancing of rights. This issue will be addressed taking into account the traditional publication model in light of the peculiarities of scientific research, including the mechanisms of evaluating research and the relevant stakeholders’s interests that differ from those characterizing other sectors of content production. We will analyze whether the current practice in academic content dissemination and legal framework are compliant with academic freedom principles, considering the role of copyright in science. Since effective protection of academic freedom also depends on the possibility of access to knowledge, we will examine whether and how the open access model can achieve a proper balance between the rights at stake, looking at legal instruments recently issued by Italian, German, and US legislatures. Proposal for copyright provisions tailored to specific needs of the scientific field will be considered as well.

        University Knowledge Transfer: From Fundamental Rights to Open Access Within International Law, in: Guiseppe Bellantuono, Fabiano Teodoro Lara (Hg.), Law, Development and Innovation (SxI - Springer for Innovation / SxI - Springer per l'Innovazione, 13), Springer 2015, 147 - 189. DOI

        • Education, research, cooperation, and social participation all play a role in innovation as a catalyst for economic and social progress. Universities are among the chief stakeholders in this process. Nonetheless privatization of scientific outputs weakens the benefits of science to society and undermines the norms of science, which are based on accessing and sharing knowledge. Indeed, there is growing disorder in setting university missions whereby IP is evaluated as a value in of itself. Yet, scientific results are a collective achievement, built on vast quantities of publicly funded research and university knowledge transfer occurs mostly through open conferences, databases, and publications. This chapter focuses on scholarly publishing as a segment of knowledge transfer. It will examine open access as a tool that, according to a holistic approach, contributes to establishing a balance among all basic rights at stake, including academic freedom. The idea of a pluralistic system of knowledge transfer where “open” and “proprietary” models are not mutually exclusive will be defended. Moreover, an incentive-oriented copyright change, tailored to the specific needs of research, might be built on the TRIPS flexibility. While TRIPS prohibits discrimination, it does not prevent States from treating different situations differently. Accordingly, we might imagine a paradigm shift in the protection of academic works. Indeed, while moral right is a cornerstone, commercial exploitation of publications is not the aim of academic authors. Therefore, applying a “functional” perspective to IP the work should be protectable as long as its market needs to be preserved.

        Proprietà, possesso e detenzione. Disponibilità materiale della cosa e animus possidendi nella giurisprudenza della Suprema Corte (Ownership, possession and detention in Italian case law), in: Teresa Pasquino (Hg.), Antologia di casi giurisprudenziali. Materiali per lo studio del diritto privato (Case law on private law), Giappichelli 2015, 151 - 164.

          Autonomia negoziale e contratto atipico. Il caso del contratto di edizione musicale (Freedom of negotiation and atypical contracts. Music Publishing Contracts), in: Teresa Pasquino (Hg.), Antologia di casi giurisprudenziali. Materiali per lo studio del diritto privato (Case law on private law), Giappichelli 2015, 175 - 192.

            Misure tecnologiche di protezione (diritto d’autore) (Technological Proctection Measures - Copyright), in: Rodolfo Sacco (Hg.), Digesto delle discipline privatistiche - Sezione civile, Aggiornamento 8, UTET, Torino 2013.

              Le regole della musica nell’era digitale. Tecnologie, modelli di business e paradigmi giuridici (Music, business models and rules in the digital age), in: Alessandro Valenti (Hg.), Musica e diritto. La legislazione per lo spettacolo e le attività musicali - norme, contratti, diritti, obblighi, sanzioni (Music and Law), Giappichelli, Torino 2012.

                Obbligazioni pecuniarie e datio in solutum: può considerarsi estintivo del debito il pagamento a mezzo assegno circolare, senza consenso del creditore? (Contract law and datio in solutum), in: Teresa Pasquino (Hg.), Antologia di casi giurisprudenziali. Materiali per lo studio del diritto privato (Case law on private law), Giapichelli, Torino 2011, 127.

                  Obbligazioni soggettivamente complesse e condominio: di quelle condominiali i condomini sono responsabili in solido o pro quota? (Joint ownership and liability), in: Teresa Pasquino (Hg.), Antologia di casi giurisprudenziali. Materiali per lo studio del diritto privato (Case law on private law), Giapichelli, Torino 2011, 107.

                    Il ruolo creativo della giurisprudenza nella definizione del sistema di risarcimento del danno non patrimoniale alla persona: dal codice del 1942 alle pronunce di S. Martino (Case Law on Tort law), in: Teresa Pasquino (Hg.), Antologia di casi giurisprudenziali. Materiali per lo studio del diritto privato (Case law on private law), Giapichelli, Torino 2011, 227.

                      "Etica della virtù": una rilettura della riforma del copyright canadese, traduzione italiana di D. Lametti, How Virtue Ethics Might Help Erase C-32’s Conceptual Incoherence, in: Michael Geist (Hg.), From "Radical Extremism" to "Balanced Copyright": Canadian Copyright and the Digital Agenda, Irwin Law, Toronto 2010, 309 (gemeinsam mit Giulia Dore).

                      • Also published in: Diritto dell'informazione e dell'informatica, 2013, 657

                      Rappresentazione informatica dei diritti e diffusione della conoscenza (Knowledge dissemination and digital rights management), in: Roberto Caso (Hg.), Accesso aperto alla conoscenza scientifica e sistema trentino della ricerca (Open Access and scientific knowledge dissemination). Proceedings of the Trento Faculty of Law Conference 5 May 2009, Trento 2010, 147.

                      • Nell’ambiente digitale, lo sviluppo del Digital Rights Management (DRM) dimostra – non solo nell’area del diritto d’autore – il ruolo centrale della tecnologia, votata a rafforzare e talvolta a sostituire la regolamentazione giuridica. Nell’ambiente informazionale, ogni avanzamento della tecnologia può migliorare l’accesso alla conoscenza e la comunicazione individuale, ma allo stesso tempo può determinare il massimo controllo sul comportamento del singolo. Nello spazio digitale il prevalente strumento di regolamentazione non si identifica nella regola di diritto, ma in ciò che si definisce «architettura»: i comandi sono incorporati nei protocolli di comunicazione di Internet e nelle applicazioni software. Lo standard tecnico, sotto il controllo di chi lo predispone, conferisce di fatto a quest’ultimo il potere di «governare» il comportamento dei fruitori, divenendo dunque fonte di regola. La «rivoluzione» delle tecnologie digitali, in tal senso, investe il sistema delle fonti del diritto. La regolamentazione del controllo delle informazioni digitali trova le sue fonti non solo nel diritto statale, ma anche nel contratto e nella tecnologia (oltre che nella consuetudine). In tale contesto, posto che tra regole informatiche e giuridiche sussiste una sostanziale differenza, sia in termini di legittimazione democratica che di struttura, il diritto è chiamato a rivendicare la propria supremazia, disciplinando la tecnologia e, al contempo, a servirsi di quest’ultima per perseguire i propri obiettivi, così giungendo alla creazione di nuove regole, che non si limitino a reagire alle trasformazioni indotte dalle tecnologie, ma contribuiscano a determinarne i modi di utilizzo . Al fine di comprendere e governare situazioni complesse, quali quelle conseguenti ai mutamenti tecnologici, il costante dialogo tra i saperi e l’analisi interdisciplinare, costituiscono un punto di partenza dal quale non si deve prescindere. Nella società dell’informazione gli eventi umani – fatti dell’uomo – hanno un’effettività sociale particolare in quanto rappresentati in forma di dati all’interno di sistemi informativi. È attraverso la rappresentazione informatica – la forma di espressione maggiormente diffusa – che si svolge gran parte delle attività dotate di implicazioni giuridiche, economiche, amministrative e politiche. Con riguardo alla produzione e diffusione della conoscenza, l’ambiente digitale muta profondamente gli scenari che caratterizzavano il diritto d’autore tradizionale, innescando nuove problematiche. Le tecnologie informatiche e soprattutto l’impiego progressivo di Internet hanno trasformato il meccanismo di trasmissione della conoscenza e di riproduzione della medesima. In particolare, l’antica dinamica di chiusura e apertura del sapere viene riproposta secondo nuovi lineamenti tecnologici. Ad un controllo rigido e accentrato dell’informazione si contrappone un controllo flessibile e decentrato. Da una parte, troviamo un modello giuridico di circolazione della conoscenza basato sul self-enforcing del contratto , mediante misure tecnologiche di protezione (MTP). Questa tipologia di controllo si identifica nel DRM, il cui obiettivo è rendere i termini della licenza per l’accesso e l’uso dell’informazione riconoscibili dai software e dagli apparecchi costruiti per la fruizione dell’informazione. Il DRM, infatti, affida la sua forza all’autotutela tecnologica piuttosto che alla tutela statale . Per mezzo di sistemi DRM – composti sia di tecnologie di gestione delle informazioni sulle regole di utilizzo dei contenuti (metadati e Rights Expression Languages o RELs), sia di tecnologie in grado di dare esecuzione ai medesimi (MTP), impedendo, per esempio, la copia laddove non consentita – è possibile l’applicazione automatica (in personal computer, telefoni cellulari, televisioni, etc.) delle regole contrattuali impiegate per la distribuzione dei contenuti digitali . Dalla parte diametralmente opposta si colloca l’idea dell’accesso aperto alla ricerca scientifica, che ha dato vita al movimento rivoluzionario internazionale oggetto del presente convegno. Puntando ad allargare il ventaglio dei modelli di produzione e commercializzazione dell’informazione scientifica, essa muove dalla necessità di contrastare il rischio che il controllo rigido ed accentrato colonizzi la conoscenza scientifica, anche e soprattutto valorizzando l’uso delle tecnologie informatiche, della Rete, del web e dei nuovi intermediari (archivi istituzionali, motori di ricerca Internet come Google Books Search e Google Scholar, etc.). Tale ultimo profilo presenta aspetti di particolare interesse ed è oggetto di attenzione nel presente contributo; la circolazione dell’informazione in Rete diviene un tema cruciale anche nell’ambito della distribuzione dell’informazione secondo il modello Open Access. Nel tentativo di ovviare alle barriere all’accesso e di favorire la massima visibilità dei risultati, attraverso la creazione di archivi aperti e di riviste di qualità liberamente accessibili, nell’ambito del movimento Open Access (OA) hanno preso vita numerose iniziative, non solo sul piano infrastrutturale, politico, istituzionale e culturale, ma anche tecnologico, per l’interoperabilità e il riuso dei contenuti digitali. Se, infatti, scopo principale del movimento è quello di garantire massima diffusione e riutilizzo dell’informazione e se lo spazio principale di circolazione dei contenuti è rappresentato dal web, gli studi intorno alle tecniche di catalogazione e classificazione dell’informazione e dei relativi diritti nello spazio virtuale meritano particolare attenzione. L’interesse scientifico, di policy e applicativo, è dimostrato non solo dalle diverse iniziative volte alla creazione di standard per la rappresentazione delle informazioni digitali e dei diritti connessi alle risorse digitali, ma anche dalla mobilitazione di organismi internazionali come la WIPO (World Intellectual Property Organisation) e della stessa Commissione Europea. Tutti i progetti che fanno riferimento alla logica OA mostrano forti analogie e, a ben vedere, si intersecano con l’ideologia sottesa alle licenze Creative Commons Licenses (CCLs), ove lo sviluppo e la valutazione della conoscenza si basano sulla collaborazione di una comunità aperta di persone. Le licenze CC sui contenuti digitali rappresentano nuovi modelli di distribuzione della conoscenza in cui gli autori, attraverso l’adozione di un contratto manifestano il consenso allo sfruttamento della propria opera da parte del pubblico. Il movimento CC – da cui promana il progetto Science Commons focalizzato sulla conoscenza scientifica – rappresenta pertanto un importante punto di riferimento, non solo sotto il profilo ideologico e contrattuale ma anche tecnologico: le licenze CC, avvalendosi di alcune tecnologie di riferimento dei sistemi DRM, si manifestano all’utente oltre che in forma leggibile all’uomo anche secondo un modello comprensibile alla macchina (machine-readable). Le stesse tecnologie che consentono ai sistemi DRM di esercitare un rigido controllo sull’informazione, sono sviluppate da CC per facilitare la diffusione e la fruizione dei contenuti, mirando all’opposto obiettivo di un controllo flessibile e decentrato. CC dal 2002 sta infatti lavorando ad un progetto di incorporazione delle regole in codice informatico facendo leva, per prima in questo campo, sulle tecnologie di base del web semantico, allo scopo di rendere le opere distribuite sulla Rete quanto più possibile rintracciabili e riutilizzabili. La realizzabilità di tale progetto presuppone l’elaborazione di metadati a contenuto giuridico destinati a circolare a livello globale; un’impresa che richiede un notevole sforzo di concettualizzazione e rappresentazione delle categorie giuridiche, ponendo in evidenza le questioni connesse alla traduzione ed incorporazione di queste ultime nell’architettura informatica. L’analisi dello stato di avanzamento tecnologico dei RELs rivela gli evidenti limiti delle nuove forme di «comunicazione» destinata alla macchina. Limiti consistenti essenzialmente nel fatto che i linguaggi informatici non sono in grado di supportare la complessità dei concetti giuridici, che sempre implicano interpretazione e specifica applicazione al caso concreto. Scienza giuridica ed informatica sono poste dunque oggi di fronte ad una sfida di grande complessità: consentire la circolazione e fruizione dell’informazione nel web, integrando regole di diritto nell’architettura informatica. Nei successivi paragrafi si intende fornire una breve descrizione di quelle che sono le tecnologie informatiche sviluppate nell’ambito dei sistemi DRM, prima, e da Creative Commons, poi, per la traduzione delle regole in codice informatico, mettendo in luce le differenze e soprattutto i diversi obiettivi perseguiti. Nell’affrontare tale tematica emerge la necessità di calcare percorsi interdisciplinari, gli unici in grado di fornire al giurista gli strumenti per svolgere il proprio ruolo anche nell’ambito di quello che viene definito «spazio digitale».
                      • http://eprints.biblio.unitn.it/archive/00001785/
                      • Event: Trento Faculty of Law Conference, Trento, 2009-05-05

                      Aufsätze

                      The University as a Developer and Keeper of Open Science - The Role of Research Managers and Administrative Staff, European Association of Research Managers and Administrators Newsletter March - May 2016 (2016), 1 - 3 (gemeinsam mit Vanessa Ravagni).

                      Forschungspapiere

                      La quantificazione del danno non patrimoniale: teorie e prassi giuridiche (forthcoming), 2017.

                        Copyright, contratto e accesso alla conoscenza: un'analisi comparata (Trento Law and Technology Research Group Research Paper, n. 17), 2013, 222 S.

                        • Along with a comparative perspective that takes account of the U.S. and Italian law, this work aims to explore the interface between copyright and contract lae in publishing process. In the current publishing environment, contracts and technology play a dominant role in the exploitation of copyrighted works. Publishers are granted by assignment of all copyright rights to reproduce and publish the work, but also to exercise control over its contents through technological protection measures. At the same time, mass digitization allows libraries and other organizations to make contents available online, which it entails a redefinition of the traditional publishing process and introduces new players to the scene (e.g., Google Books). Hence, technology proves to be a powerful instrument for the spread of knowledge and it is on this pattern that Open Access (OA) is rapidly gaining ground. Mostly based on a bottom-up approach that is on soft law, institutional policies and contracts, OA designs a new legal environment targeting the objectives of free accessibility, further distribution, and proper archiving of publications. These aims can be achieved through the creation of new open access business models to publish on OA journals (gold road) or to self-archive in institutional or disciplinary repositories works that have been originally published in conventional journals (green road). However, in order for OA to be fully developed it is necessary to devise a principled and feasible approach to the dissemination of scholarly works against the current social, economic and legal background. Indeed, the importance of OA is steadily recognized by legislators who integrate OA provisions into their legal system. This is an innovation of great significance, which was first fostered in the USA, and then extended in some European countries such as Italy and Germany in the European framework. Nevertheless, considering the different law systems, the formal law need to be combined with national strategies and institutional policies providing adequate incentives to the authors, while also promoting academic freedom and the right to knowledge access.
                        • Available at SSRN

                        Stellungnahmen

                        Position Statement of the Max Planck Institute for Innovation and Competition on the Proposed Modernisation of European Copyright Rules, PART B: Exceptions and Limitations, Chapter 3 - Preservation of Cultural Heritage (Article 5 COM(2016) 593), 2017, 7 S. (gemeinsam mit Reto M. Hilty, Tao Li).

                        Position Statement of the Max Planck Institute for Innovation and Competition on the Proposed Modernisation of European Copyright Rules, PART C: Out-of-Commerce Works (Articles 7-9 COM(2016) 593), 2017, 13 S. (gemeinsam mit Reto M. Hilty, Tao Li).

                        Position Statement of the Max Planck Institute for Innovation and Competition on the "Public consultation on the role of publishers in the copyright value chain", 2016, 9 S. (gemeinsam mit Kaya Köklü, Reto M. Hilty).

                        Mitgliedschaften

                        ATRIP International Association for the Advancement of Teaching and Research of Intellectual Property

                        AISA (Associazione Italiana per la Promozione della Scienza Aperta – Italian association promoting open science). Co-founder, board member and secretary.

                        Vorträge

                        6/2015 - 9/ 2015
                        Institute of European Comparative Law, University of Oxford

                        5/2013 – 4/2014
                        Max Planck Institute für Innovation und Wettbewerb, München, Deutschland

                        6/2011 – 8/2011< br /> Institute of European and Comparative Law - University of Oxford, UK

                        04/2008 - 08/ 2008
                        Instituut voor Informatierecht Universiteit van Amsterdam - Institute for Information Law Amsterdam, the Netherlands